QUANDO E PERCHE’ SOSTITUIRE LE FINESTRE

da | Mag 5, 2020

Un acquisto consapevole

Devi ristrutturare casa e vuoi capire se è necessario acquistare nuovi serramenti, oppure semplicemente i serramenti di casa tua sono stati installati molti anni addietro e le performance termico/acustiche cominciano a dare problemi? Come procedere? Per prima cosa e per rispondere a queste domande è necessaria un’analisi tecnica approfondita dello stato di “salute “ delle finestre, un’analisi approssimativa o tramite uno scambio di mail e telefonate non può essere sufficientemente esauriente.

 

Le finestre ed il loro ruolo importantissimo

Le finestre sono un complemento delle nostre abitazioni poco conosciuto, spesso ci si scorda della loro importanza, infatti hanno un ruolo indispensabile e centrale nelle nostre abitazioni. Sono indispensabili per creare un ottimo isolamento termico ed acustico, hanno un ruolo fondamentale e spesso trascurato che unito ad altri interventi come la posa di un cappotto termico garantiscono al nostro immobile efficienza energetica, tema oggigiorno quanto mai attuale, che si traduce in risparmio economico reale sulle spese di riscaldamento o raffrescamento di un’abitazione.
Infatti se un serramento esistente o di nuova installazione avesse caratteristiche tecniche non all’altezza delle normative vigenti o fosse disgraziatamente posato non a regola d’arte attraverso posa in opera non qualificata, vanificherebbe sicuramente le prestazioni energetiche anche degli edifici di ultima generazione come ad esempio un’abitazione che ha predisposto un cappotto termico, andando nel tempo a creare problemi e quindi un ulteriore dispendio economico.
Le nuove finestre devono obbligatoriamente garantire performance termiche ed acustiche all’altezza delle normative vigenti a seconda della zona climatica di istallazione, insomma le finestre sono strettamente legate al tema del confort abitativo, argomento ormai centrale nelle nostre case. Prossimamente tratteremo il tema controtelaio, monoblocco e sistemi oscuranti. Infatti non bisogna scordarsi che il “foro finestra” non è costituito semplicemente da telai fissi, mobili e vetro ma deve essere progettato e studiato un controtelaio isolante ed un sistema di oscuramento che aiutino le nostre finestre a dare il meglio di se. Proprio come in un’orchestra le varie parti citate devono lavorare all’unisono.

Lo stato di salute delle nostre finestre

Una consulenza specializzata è la soluzione migliore, infatti un tecnico qualificato può diagnosticare attraverso strumenti ed esperienza eventuali infiltrazioni di aria e peggio ancora acqua e quindi umidità che sono la causa principale della comparsa di muffe sul contorno del telaio del serramento. Tutto questo ha una ripercussione sul confort abitativo della nostra abitazione. Lo stato di salute delle nostre finestre è valutabile anche attraverso un’analisi del telaio fisso e mobile, se le ante non si chiudono facilmente e se la ferramenta e la maniglia faticano a garantire una chiusura a tenuta, allora sarà bene organizzare un intervento manutentivo delle parti mobili mal funzionanti.
Se il sopralluogo evidenzia criticità non risolvibili attraverso l’ordinaria manutenzione allora bisognerà prendere seriamente in considerazione la possibilità di sostituire le nostre finestre, a maggior ragione se di vecchia concezione ed installate prima dell’avvento del taglio termico e senza un vetrocamera idoneo ed isolante. Non esiste comunque una data di scadenza delle nostre finestre, la sostituzione è semplicemente legata alle performance meccaniche, termiche ed acustiche che esse riescono o meno a garantire. Sicuramente l’Ecobonus 50% e la cessione del credito saranno un incentivo importante per i mesi a venire i quali oltre a facilitare l’acquisto di infissi garantiranno un recupero economico della spesa sostenuta o un risparmio immediato della spesa da sostenere. Anche relativamente agli importi finanziati.

 

L’importanza della posa in opera

Non diamo mai per scontato che la posa in opera sarà eseguita in maniera ottimale. Massima attenzione. In Caneva Serramenti garantiamo posa in opera qualificata innanzitutto studiando la progettazione del nodo primario, del controtelaio, e garantendo un nodo secondario tra controtelaio e serramento completo di materiali con performance termico/acustiche e di tenuta aria/acqua/vapore all’altezza dei serramenti installati. Infatti un’installazione approssimativa vanificherà le performance dei nostri serramenti ad alte prestazioni. Un ottimo serramento posato male è un ottimo serramento che non funzionerà.

Link utili:

Produzione Caneva Serramenti

Partner Schuco serramenti in Alluminio

Partner Nurith serramenti PVC 100% made in Italy

Partner Pavanello serramenti in Legno Alluminio

Autore: Leonardo Caneva

Titolare Caneva Serramenti – Tecnico Specializzato

Richiedi un preventivo oppure una consulenza specializzata

Call Now Button
Share This

Condividi

Condividi questo contenuto su Facebook